Sogni

Il sogno è un’attività mentale che avviene durante il sonno, e che può essere ricordata al risveglio. Tutti sogniamo, anche chi ha l’impressione di non farlo perché non lo ricorda.

Quando dormiamo la nostra mente si trova in una condizione di alterazione, nel senso che non siamo pienamente consapevoli, e la produzione dei contenuti del sogno avviene in modo del tutto spontaneo. Questo rende l’attività onirica particolarmente significativa nella psicoterapia, perché è svincolata dalla logica e dalle interferenze della razionalità, che pone una censura alle nostre verità.  

Il sogno in psicoterapia della Gestalt

In psicoterapia della Gestalt non si parla di inconscio (un concetto teorico elaborato da Freud ed entrato prepotentemente nella nostra cultura), piuttosto si parte dal presupposto che quando sogniamo siamo completamente sinceri, e ci raccontiamo l’essenza della nostra esistenza.

Dice Fritz Perls “Per me, il sogno è un messaggio esistenziale. Può condurre alla comprensione del copione della propria vita, del proprio Karma, del proprio destino. La bellezza di tutto ciò è che una volta assunta la responsabilità di questo copione, dei nostri sogni, allora siamo in grado di cambiare la nostra vita.” (Perls, 1983, p. 104).

Nell’approccio della Gestalt, a differenza di quanto avviene nella psicoanalisi di Freud e successori, il sogno non viene spiegato dal terapeuta secondo schemi interpretativi prefissati (per cui ad un tale oggetto corrisponde un dato significato), ma la ricostruzione dei significati avviene insieme al cliente, in un processo di conoscenza che si basa sul ricordo del sogno e la possibilità di riviverlo, riscoprendolo attraverso le emozioni e traendo da esse il senso profondo che contiene.

Metodo di lavoro

È richiesto al cliente di raccontare il sogno al tempo presente, facendolo diventare un’esperienza attuale, e di lasciarsi guidare dalle componenti dello stesso per ritrovare il messaggio esistenziale che esprime.

Attraverso il dialogo, o attraverso tecniche teatrali, è possibile accompagnare la persona verso un’esplorazione di questi elementi, e ricostruire la verità più intima che porta dentro di sé.

Il lavoro sul sogno permette alla persona di prendere consapevolezza di sé e fare scelte coerenti con i propri bisogni

Bibliografia

Bucay  J. (2004) Lascia che ti racconti. Storie per imparare a vivere, Rizzoli.

Bucay J. (2005) Raccontami. Storie per imparare a conoscersi, Rizzoli.

Clarkson P. (1992) Gestalt Counseling. Per una consulenza psicologica proattiva nella relazione d’aiuto, Sovera.

Kimura B. (2013) Tra. Per una fenomenologia dell’incontro, Il pozzo di Giacobbe.

Mazzei S. (2017) Si salvi chi può, Istituto Gestalt e Body Work.

Mucchielli R. (1987) Apprendere il counseling, Erickson.

Naranjo C. (1996) Carattere e nevrosi. L’enneagramma dei tipi psicologici. Astrolabio.

Naranjo C. (1989) Teoria della tecnica Gestalt, Melusina Editore.

Perls F. (1995) L’Io la fame e l’aggressività, Franco Angeli ed. 1995.

Perls F., Hefferline R. F. e Goodman P. (1997) Teoria e pratica della terapia della Gestalt. Vitalià e accrescimento nella personalità umana, Astrolabio.

Perls F. (1980) La terapia gestaltica parola per parola, Astrolabio.

Perls F. (2006) Qui e ora. Psicoterapia autobiografia,  Sovera.

Perls F. (1977) L’approccio della Gestalt. Testimone oculare della terapia,  Astrolabio.

Perls F. e Baumgardner P. (1983) L’eredità di Perls. Doni dal lago Cowichan, Astrolabio.

Pizzimenti M. (a cura di, 2015) Aggressività e sessualità. Il rapporto figura/sfondo tra dolore e piacere, Franco Angeli.

Polster E. (1988) Ogni vita merita un romanzo. Quando raccontarsi è terapia, Astrolabio.

Polster E., Polster M. (1986) Terapia della Gestalt integrata. Profili di teoria e pratica, Giuffrè Editore.

Quattrini G. P. (2011) Per una psicoterapia fenomenologico-esistenziale, Giunti.

Quattrini G. P. (2007) Fenomenologia dell’esperienza. Lezioni di Gestalt a orientamento fenomenologico esistenziale, Zephyro Edizioni.

Simkin S. (1978) Brevi lezioni di Gestalt, Borla.

Zinker J. (2002)  Processi creativi in psicoterapia della Gestalt, Franco Angeli.