Autostima e relazioni sentimentali

autostima relazioni sentimentali

L’autostima esercita un’influenza su molti aspetti della vita. Fra questi, le relazioni sentimentali sono uno degli ambiti in cui l’insicurezza può generare più sofferenza. Vediamo come.

Immagine di sé e approccio agli altri

Le persone che hanno un’autostima poco salda tendono a giudicarsi in modo negativo e ritengono di non meritare la considerazione degli altri.

In genere, questo le porta ad allontanarsi dalle situazioni in cui l’attenzione è concentrata su di loro. Si rendono poco visibili, non si valorizzano. Nascondersi allo sguardo altrui è un modo per limitare la paura di non piacere, di essere giudicati male. Una paura che nasce dalla scarsa opinione di sé.

Bassa autostima e ricerca del partner

Il fatto di evitare situazioni in cui si è al centro dell’attenzione penalizza, perché rende più difficoltoso lo stabilire nuove conoscenze.

I social possono essere di aiuto, perché permettono di conoscere persone attraverso una modalità che riduce il contatto diretto. Scriversi su una chat, scambiarsi dei commenti in forma scritta, possono inizialmente contenere la sensazione di imbarazzo. Tuttavia, prima o poi arriverà il momento di un incontro di persona e il timore di non ottenere i riscontri desiderati aumenterà.

Le persone con bassa autostima vivono questi primi approcci come sfidanti, perché la paura di non piacere prende il sopravvento. Iniziano a chiedersi cosa potrebbe trovare in loro di interessante l’altra persona, si pongono mille dubbi rispetto a come vestirsi, come porsi, cosa dire.

L’insicurezza produce diffidenza. Quando l’altro dimostra piacere nello stare insieme a loro, possono avere la tendenza a non credergli. Di fronte ai complimenti, anziché mostrare gratitudine, possono reagire con freddezza o sminuirsi, perché non ne riconoscono l’autenticità.

Questi atteggiamenti possono finire con l’allontanare anche la persona più motivata e così, il più delle volte, le persone insicure aumentano le probabilità che una possibile relazione non prenda nemmeno il via.

Bassa autostima e comunicazione con il partner

Le persone con un’autostima poco solida tendono, nella comunicazione, a non esprimere in modo diretto ciò che pensano. Assumono un atteggiamento passivo, sottomesso, sviano il conflitto, sono fin troppo accondiscendenti, evitano di fare domande. All’inizio della relazione questo atteggiamento può facilitare la costruzione del rapporto, ma sul lungo termine produce frustrazione, insofferenza, instabilità.

Infatti, la persona insicura inizierà man mano a soffrire le situazioni che ha deciso di farsi andare bene, ma rispetto alle quali non è mai stata soddisfatta.

Poiché anche ciò che non esprimiamo a parole si manifesta nella comunicazione (attraverso lo sguardo, l’espressione del viso, la mimica), il partner potrà cogliere segnali incoerenti e a porsi dei dubbi sull’autenticità dell’altro.

C’è poi un aspetto molto serio da considerare. Avendo difficoltà ad affermare i propri bisogni, le persone con bassa autostima sono più propense a tollerare atteggiamenti prevaricatori, come quelle che si verificano nelle situazioni di violenza nella coppia. Questo genera un circolo vizioso, perché la violenza riduce ulteriormente l’autostima di chi la subisce, limitando la sua capacità di difendersi e ribellarsi alle situazioni di violenza. Ne ho parlato in un articolo di qualche tempo fa.

Bassa autostima e vita di coppia

Quando il partner dimostra sufficiente tenacia e si avvia una vera e propria relazione di coppia, la persona con bassa autostima può iniziare un circolo vizioso di dubbi e messa in discussione dell’amore dell’altro.

Non sentendosi all’altezza della relazione d’amore, da un lato si nutre dell’affetto che riceve e ne trae beneficio, dall’altro non si sente a proprio agio perché mette in discussione la verità di ciò che vive.

Le persone con un’autostima ridotta dubitano dell’affetto del partner. Sono sensibili a tutti i segnali interpretabili come rifiuto, disapprovazione, mancanza d’amore, possibile tradimento. Possono chiedere insistentemente prove d’amore al partner, diventano gelose e sospettose.

Non avendo un’autostima solida e non provando un vero amore per loro stesse, possono anche avere difficoltà nel mostrare affetto agli altri. In alcuni casi, chi ha poca autostima mostra disattenzione e freddezza verso il partner. È la stessa freddezza che prova verso di sé.

Tutti questi comportamenti, sul lungo periodo, diventano nocivi per la relazione. La paura che la relazione non sia solida finisce col produrre proprio questo effetto. In psicologia si chiama “profezia che si autoavvera”: è ciò che accade quando, temendo un risultato negativo, senza nemmeno accorgercene ci comportiamo in modo da produrlo.

In conclusione, le persone con un’autostima debole possono vivere con difficoltà le relazioni di coppia e attuare comportamenti tali da produrre instabilità. Senza volerlo, rendono impossibile ciò che non lo sarebbe.

 

Però attenzione: questo articolo contiene pericolose generalizzazioni. Se senti il bisogno di conoscerti meglio, affidati ad una professionista che possa guidarti con l’attenzione e l’ascolto necessari a ricostruire un senso di amore verso di te. Abbatterti pensando che non potrai mai avere una relazione sentimentale non è la risposta.

Se vuoi intraprendere un percorso di psicoterapia per lavorare sul tuo livello di autostima, o se vuoi ulteriori informazioni, puoi contattarmi ai recapiti che trovi qui.

 

Fonte immagini: Pixabay – immagini libere da copyright